SOCIAL

CERCA

La piccola Suv tedesca si è guadagnata la copertina di questo mese grazie a qualità che di certo piaceranno al mercato. Ma il menù di Automobilismo di marzo non finisce qui

Navigatori GPS gratuiti per smartphone

La tecnologia sempre più spesso ci accompagna, specialmente – è proprio il caso di dirlo – per quanto riguarda i navigatori da usare in auto ma anche a piedi. Ecco una piccola rassegna

Navigatori GPS gratuiti per smartphone

 

Un tempo acquistare un navigatore da auto significava dover sborsare diverse centinaia di euro, sia per acquistare lo strumento sia poi per aggiornarlo una volta che le mappe cominciavano a diventare vecchie. Oggi le cose sono molto diverse e per i moderni smartphone esistono tante applicazioni che consentono di ottenere lo stesso risultato, seppur con qualche limitazione. Innanzitutto comincia a diventare un problema l’autonomia della batteria: già i telefoni di ultima generazione sono piuttosto “esosi” e prosciugano la carica in poche ore, se utilizzati frequentemente. A maggior ragione utilizzandoli come navigatori dove contemporaneamente si sfruttano il display, la rete mobile e il GPS interno, tutte componenti che richiedono molta alimentazione; problema risolvibile con un caricabatterie da auto. Poi – chi usa lo smartphone come navigatore lo sa – capita immancabilmente che ad una svolta cruciale si riceva una telefonata che rende spesso impossibile la funzione di navigatore; qui ci si deve fermare finché non si conclude la chiamata. Ancora, per poter utilizzare lo smartphone come navigatore quasi sempre si deve usare la connessione dati per scaricare man mano le mappe: operazione normale se si è in Italia, molto costosa se si è all’estero. In questo caso, si deve verificare con il proprio operatore la possibilità di avere un piano dati che non comporti costi troppo alti quando si è in roaming. Infine, servono alcuni accessori: a partire dal caricabatterie da auto fino al supporto a ventosa, per evitare di dover viaggiare con il telefono in mano in attesa di indicazioni.

 

Qui di seguito una parziale panoramica su alcuni dei programmi più diffusi per avere un navigatore satellitare a portata di mano, quando si viaggia.

 

WAZE 3.5
Sicuramente il più noto GPS gratuito è Waze che da qualche tempo si è imposto sia grazie alla gratuità e alle sue funzioni “social”. Ancora di più nella sua ultima versione dove l’integrazione con Facebook è stata accentuata e sono stati inseriti i prezzi dei carburanti, aggiornati dagli stessi utenti. Sì perché su Waze sono gli automobilisti che si preoccupano di memorizzare nuove strade nelle mappe che poi diventano a disposizione degli stessi wazers.

 

NAVIGATORE APPLE
Integrato nei nuovi dispositivi Apple, si basa sulle mappe di Cupertino che – com’è noto – non sono ancora precise come quelle di Google. Durante la navigazione risulta essere un problema ma l’applicazione funziona molto bene. Quindi non resta che attendere un pesante aggiornamento delle mappe e poi gli utenti Apple avranno già un valido strumento a portata di mano (sebbene per funzioni avanzate si debba guardare altrove).

 

GOOGLE MAPS
Le classiche mappe di Google possono essere utilizzate come navigatore da mobile anche se non è la loro funzione principale. Infatti, ci si scontra con qualche limitazione: ad esempio, non viene ricalcolato il percorso quando lo si varia rispetto a quanto previsto dal software ed inoltre non si può intervenire sul posizionamento della mappa che è sempre rivolta a nord e non nel senso di marcia.

 

NAVIGATORE ANDROID
Integrato con Google Maps e con il proprio account di Gmail, il navigatore inserito nelle ultime versioni del sistema operativo Android risulta essere un valido strumento, veloce, chiaro ed efficace. Sono quasi nulli i punti a sfavore tanto che, ad esempio, si possono scaricare le mappe di un certo paese quando si va all’estero. Disponibile per Android e Windows.

 

MAPFACTOR NAVIGATOR
Basato su Open StreetMaps (mappe gratuite simili a quelle di Google ma realizzate dagli utenti), è un navigatore dalle funzioni base ma veloce ed efficiente. Fra i pro il consumo moderato della batteria dello smartphone e la lingua italiana fra le opzioni che si possono scegliere.

 

NAVFREE
Gratuito e con la possibilità di funzionamento offline. Due caratteristiche che lo faranno apprezzare non poco dagli utenti e si basa anche questo su Open StreetMaps, la “Wikipedia” dei dati cartografici. Non integra la funzione “autovelox” e questo va annoverato fra i contro. Per il resto risulta essere un ottimo strumento per chi deve viaggiare all’estero. Disponibile sia per Android che Apple.

 

COPILOT GPS
Grauita se non si desidera l’assistente vocale che vi indica le svolte né la visualizzazione in 3D della mappa, è disponibile sia per Android che per Apple. Su CoPilot è possibile pianificare l’itinerario e scaricarlo sullo smartphone per non dover utilizzare la connessione strada facendo.

Tutto su:

  • tecnologia
  • Commenta con
    Commenta con
    AGGIORNA COMMENTI

    Commenta la notizia