VISION NEXT 100, la Mini del futuro

20 giugno 2016
  • Salva
  • Condividi
  • 1/16
    Con la VISION NEXT 100, MINI fornisce una risposta ad alcune delle principali domande della mobilità urbana del futuro. Potrà essere guidata personalmente oppure a guida autonoma...

    Vision next 100, la mini del futuro

    Con la BMW "VISION NEXT 100" , la Casa illustra come potrebbe presentarsi il “piacere di guida” nel futuro, la Rolls-Royce VISION NEXT 100 è invece il simbolo del lusso automobilistico su misura. Con la nuova MINI VISION NEXT 100,  BMW fornisce una risposta ad alcune delle principali domande della mobilità urbana del futuro. Potrà essere guidata personalmente oppure a guida autonoma.

    Il propulsore compatto, a emissioni zero, e in futuro, la soppressione delle zone di protezione contro le collisioni, che saranno superflue, grazie all’interconnessione intelligente e alla tecnica preventiva, permetteranno di realizzare una scocca compatta, che si avvicinerà alle dimensioni della prima MINI del 1959.  



    All'interno troviamo un  divanetto unico anteriore e  pedali regolabili insieme al volante.Per passare dalla guida personale alla guida autonoma il guidatore sposterà semplicemente il volante verso il centro, così che si troverà tra lui e il passeggero. Così aumenterà lo spazio per i passeggeri e sarà più facile entrare e bordo o scendere dalla vettura nel traffico intenso dei centri urbani. Durante la guida sportiva degli elementi di seduta attivi, integrati nel divanetto, offriranno a guidatore e passeggero la coretta tenuta laterale. 



    Oltre ai materiali moderni ottenuti da materie plastiche o alluminio riciclati, per esempio nella zona delle gambe, del cielo del tetto o dei pannelli laterali, sulla MINI VISION NEXT 100 si ritrovano anche materiali più ricercati, come l’ottone, il basalto o la cellulosa. Per esempio, il nastro di supporto e d’informazione, che avvolge gli interni, ed il volante spostabile e il Cooperizer è in una sottile struttura di ottone. Dietro il volante è stata inserita una rete porta-oggetti in leggero basalto, mentre il riciclato di cellulosa, dalla struttura simile alla carta, ricopre la sezione inferiore dei divanetti.
     







    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta