Michelin Track Connect: la gomma che comunica

4 July 2018
a cura di Redazione Automobilismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/4
    Sviluppato in collaborazione con i piloti Porsche e dedicato agli appassionati dei Track Day, il Michelin Track Connect è una vera e propria connessione tra tra gomme e pilota.

    Giornata di prove sul circuìto di Franciacorta insieme a Michelin e gli istruttori di Porsche Experience per provare le emozioni della guida sportiva a bordo delle coupé tedesche Porsche 911 Carrera GTS e Carrera 4 GTS, 718 Cayman GTS e GT3. Per l’occasione, Michelin ha presentato un ampliamento della sua gamma 2018 di pneumatici ad alte prestazioni Pilot Sport Cup 2, Pilot Sport 4 e Pilot Sport 4S, ma il protagonista dell’evento è stato il sistema Track Connect.

    Oggi, infatti, Michelin è la prima Casa produttrice di pneumatici a vendere in Italia (400 euro da gennaio 2019), un dispositivo di connessione tra gomme e pilota tramite app per smartphone. Il sistema è stato sviluppato in collaborazione con i piloti Porsche amatoriali ed è dedicato agli appassionati dei Track Day ma anche a chi desidera una maggiore “connessione” con la propria vettura sportiva. In sostanza, si tratta di un kit composto da quattro sensori inseriti all’interno di ogni pneumatico in una piccola “tasca” vulcanizzata nella struttura stessa, che comunicano a un ricevitore parametri come pressione e temperatura istantanee durante le sessioni in pista.

    Michelin Track Connect: la gomma che comunica

    Attraverso l’app Michelin il pilota può tenere sotto controllo dall’abitacolo la condizione di lavoro degli pneumatici in tempo reale: è sufficiente un colpo d’occhio sul cellulare. Ma Track Connect aggiunge altre funzioni perché permette di registrare i tempi sul giro oltre a consigliare la corretta pressione in seguito a ogni sessione fra i cordoli. I menù a disposizione prevedono anche l’impostazione delle condizioni di pista asciutta o bagnata. Montati lontano da fonti di calore come dischi freno e cerchioni, che potrebbero influenzare la misurazione e falsare le indicazioni, i sensori possono essere spostati da un treno di gomme all’altro che, ricordiamo, costa circa 40 euro in più rispetto alla versione priva del sistema Track Connect.

    Alessandro Perelli

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta