Mercedes EQ A Concept: compatta a batteria

19 settembre 2017
a cura di Redazione Automobilismo
Mercedes EQ A Concept: compatta a batteria
La show car tedesca anticipa una berlina compatta a zero emissioni. Alle 4WD a gestione elettronica abbina due motori a batteria. Potenza di 272 Cv e autonomia di 400 km.

Piattaforma in alluminio e carbonio

Mercedes EQ A Concept: compatta a batteria

Mercedes prosegue nell’opera di ampliamento della futura gamma elettrica. Dopo la concept Generation EQ, in occasione del Salone di Francoforte ha presentato la show car EQ A. Un prototipo che anticipa una berlina compatta a batteria – simile per dimensioni all’attuale Classe A – basata sull’innovativa piattaforma in alluminio e carbonio riservata alle vetture a zero emissioni di Stoccarda.

0-100 km/h in meno di 5”

La Generation EQ, prima Suv elettrica della storia Mercedes, è attesa sul mercato in veste definitiva nel corso del 2019. Molto probabilmente con la denominazione EQC. Un futuro condiviso dalla EQ A, anch’essa destinata alla produzione di serie. Quest’ultima, nello specifico, è caratterizzata da un powertrain a zero emissioni forte di un motore per ciascun assale, così da contare sulla trazione integrale a gestione elettronica oltre che su 272 Cv complessivi e 500 Nm di coppia. Lunga 4,28 metri e caratterizzata, come ogni modello di recente concezione, da una pluralità di modalità di marcia, affidandosi al setup più performante dovrebbe scattare da 0 a 100 km/h in meno di 5”.

Batterie modulari agli ioni di litio

Mercedes EQ A Concept: compatta a batteria

La EQ A Concept rientra nel piano Mercedes di elettrificazione che prevede, entro il 2022, la presentazione di dieci modelli a zero emissioni. Il nome, non a caso, evoca sia il progetto EQ (Electric Intelligence) sia la Classe A, vale a dire l’attuale berlina compatta in gamma Mercedes. Sotto il profilo tecnico adotta pacchi batterie modulari agli ioni di litio che, nella configurazione più performante, raggiungono i 60 kWh. Un valore cui consegue un’autonomia di 400 km. La ricarica è affidata a una specifica wallbox, alle colonnine pubbliche o ai moderni sistemi a induzione (wireless) con tempistiche che, nella migliore delle ipotesi, si riducono a 10 minuti per recuperare 100 km di percorrenza. Analogamente alla Generation EQ, il design del frontale è caratterizzato da un’originale firma luminosa a Led, variabile in funzione delle modalità di guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta