McLaren 600LT: più lunga e cattiva

30 June 2018
a cura di Redazione Automobilismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7
    Basata sulla 570S, la 600 Long Tail vanta un motore più potente, un telaio alleggerito e un’aerodinamica rivisitata per diventare la più prestazionale tra le Sports Series.

    I tecnici di Woking hanno deciso di fare di nuovo sul serio dando vita alla nuova McLaren 600LT, la sportiva due posti secchi, basata sulla già performante 570S, che in versione Long Tail (a coda lunga) punta ad essere la regina all’interno della famiglia delle Sports Series. Nata dall'esperienza maturata con le vecchie Long Tail, la 600LT è stata giustamente alleggerita, potenziata e resa ancor più efficiente dal punto di vista aerodinamico, così da risultare la più estrema e performante Sports Series di sempre.

    McLaren 600LT: più lunga e cattiva

    Leggera e filante come poche

    Costruita a mano nella fabbrica di Woking, la McLaren 600LT vanta un posteriore allungato di ben 7,5 cm, frutto tanto dello spoiler anteriore quanto del diffusore in coda, appendici aerodinamiche appositamente riprogettate in galleria del vento come l’alettone fisso in materiale composito al posteriore e le minigonne laterali, doppi scarichi installati in posizione rialzata e non più ai lati del fascione e un telaio alleggerito di ben 96 kg rispetto alla 570S che, grazie all’enorme utilizzo del carbonio, fa scendere il peso a secco fino a un valore minimo di 1247 kg.

    McLaren 600LT: più lunga e cattiva

    La pista è il suo habitat naturale

    Anche il cuore pulsante non poteva non ricevere le amorevoli cure degli ingegneri di Woking. Ed ecco che il V8 biturbo benzina da 3.8 litri è ora in grado di erogare una potenza massima di 600 CV e una coppia massima di 620 Nm, un risultato reso possibile grazie all’adozione di un sistema di raffreddamento rivisto e di uno scarico con una ridotta contropressione dei gas. Sotto pelle, invece, trovano ora posto sospensioni a doppio braccio oscillante in alluminio forgiato, uno sterzo con taratura molto più diretta, un assetto rivisitato, un impianto frenante di derivazione McLaren 720S e pneumatici Pirelli Trofeo R. Tutte soluzioni che puntano a far diventare questa Sports Series molto più affilata, efficace e divertente nell’utilizzo in circuito.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta