Jeep Cherokee: si è messa a dieta per il restyling

25 gennaio 2018
a cura di Redazione Automobilismo
Jeep Cherokee: si è messa a dieta per il restyling
Grazie al restyling la fuoristrada americana si è rifatta il trucco, ha perso peso e ha messo su un po' di muscoli.

Al Salone dell'Auto di Detroit il Brand statunitense ha presentato, davanti alla folla accorsa per l'occasione, l'aggiornamento della sua Cherokee. Un facelift che giunge a circa quattro anni dal suo debutto e che porta una ventata di freschezza, tanto esteriormente quanto interiormente, alla quinta generazione di questa tanto chiacchierata fuoristrada.

Calo ponderato di peso

L'aspetto che sicuramente ha colpito in modo maggiore il pubblico di appassionati è stata l'intensa cura dimagrante. Una dieta che ha interessato i supporti motore, le sospensioni, il portellone posteriore (ora in materiale composito), il differenziale posteriore (per le versioni 4x4) e alcuni accorgimenti sulle motorizzazioni e che fatto ottenere alla nuova Jeep Cherokee un bel -90 kg all'ago della bilancia, un risultato che avvantaggia in toto i consumi, le emissioni e l'handling della vettura.

Jeep Cherokee: si è messa a dieta per il restyling

L'occhio vuole la sua parte

Jeep Cherokee: si è messa a dieta per il restyling

Secondariamente non è passato inosservato il cospicuo facelift estetico dove a pregiarsi delle maggiori cure è stato il frontale. Completamente rinnovato, il nuovo muso vanta ora un design meno spigoloso e appuntito, un cofano motore più tondeggiante, una mascherina più verticale, un paraurti ridisegnato e fari a Led divisi su due livelli invece dei classici tre livelli. Anche il posteriore, seppur in misura minore, ha visto passare la mano dei designer con un nuovo paraurti, nuovi fari a Led e un portellone (più leggero di ben 8 kg) azionabile elettricamente.

Iniezione di tecnologia

Il facelift ha riguardato anche gli interni che, oltre a nuovi materiali e più pregevoli dettagli e finiture, possono fare affidamento ora su un maggiore spazio interno e su una nuova versione del sistema di infotainment Uconnect che lo ha reso molto più rapido e facile da utilizzare. Un sistema multimediale che adotta uno schermo touch da 7 o 8,4 pollici, integra le connessioni Android Auto e Apple CarPlay e si affianca allo schermo del quadro strumenti da 3,5 o 7 pollici.

Jeep Cherokee: si è messa a dieta per il restyling

Diesel VS benzina

Se sul mercato italiano la nuovo Jeep Cherokee potrà essere ordinato nella motorizzazione diesel da 2.2 litri Multijet, abbinata al cambio automatico a 9 rapporti aggiornato per l'occasione, per il mercato americano la fuoristrada di Casa Jeep sarà acquistabile con alcuni motori benzina: i già noti 2.4 litri da 182 CV e 3.2 litri V6 da 275 CV e il nuovo 2.0 litri turbo benzina da 274 CV e 400 Nm, tutti e tre abbinati al cambio automatico a 9 rapporti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta