Hyundai Nexo: idrogeno e guida autonoma

11 gennaio 2018
a cura di Redazione Automobilismo
Hyundai Nexo: idrogeno e guida autonoma
Una nuova crossover fuel cell, prestazionale, sicura e dall'elevata autonomia ha impreziosito lo stand del Marchio coreano.

Il Salone dell'elettronica (CES 2018) di Las Vegas ha rappresentato per il Costruttore sud coreano un appuntamento estremamente importante. Di fronte al gremito pubblico Hyundai ha, infatti, svelato la sua visione per il futuro della mobilità, uno scenario fatto di vetture tanto elettriche quanto a idrogeno, di intelligenza artificiale e di guida autonoma di livello 4.

Hyundai Nexo: idrogeno e guida autonoma

Anima ecologista

Saranno ben 18 i nuovi modelli a basso impatto ambientale che andranno ad arricchire la gamma del Marchio di Seul entro il 2025. Questa strategia per il contenimento delle emissioni nocive prenderà in considerazione tanto le vetture ibride ed elettriche quanto quelle alimentate da un cella a combustibile (fuel cell o idrogeno). Un ideale che prese vita già con la Hyundai ix35 FCEV e che successivamente trovò applicazione nel prototipo Hyundai Next Generation FCEV fino ad arrivare all'attuale Hyundai Kona a batteria che verrà venduta proprio nel 2018.

Hyundai Nexo: idrogeno e guida autonoma

Questione di batterie

Ecco che alla kermesse statunitense il Brand coreano ha tolto i veli al suo secondo modello a idrogeno svelandoci oltretutto il nome, le caratteristiche tecniche e i dettagli salienti. Nome in codice Nexo, la nuova elettrica alimentata a idrogeno di Casa Hyundai si basa su una piattaforma appositamente progettata, che ha consentito di posizionare le celle a combustibile (il pacco batterie) direttamente sotto il pavimento del bagagliaio, e su una scocca ultraleggera che fa registrare una lunghezza massima di 4.67 metri. Le nuove celle a combustibile, ora più efficienti, leggeri e piccole, sono in grado di garantire una maggiore autonomia - ben 592 km con un pieno d'idrogeno - e una resa energetica che va oltre il 60%. Valori nettamente superiori tanto alla ix35 FCEV che all'attuale Kona a batteria.

Hyundai Nexo: idrogeno e guida autonoma

Freddo non ti temo

Ma le novità non finiscono qui perché, come il pacco batterie, anche l'intero powetrain ha beneficiato di un notevole upgrade tecnologico e prestazionale che ha reso la crossover a idrogeno capace di funzionare senza problemi a temperature proibitive, un problema ostico che affliggeva la Hyundai ix35 FCEV. I 135 kW (184 CV) del motore elettrico infatti - 95 dati dal fuel cell e 40 dalla batteria - riescono ora a funzionare in un range compreso tra i -30 °C e i +50 °C e a bruciare la pratica dello 0-100 km/h in 9,5 secondi. Un upgrade anche in questo caso niente male rispetto al passato.

Hyundai Nexo: idrogeno e guida autonoma

La sicurezza non manca

Se aumentano le prestazioni il livello di sicurezza non può di certo passare in second'ordine. Proprio per questo la nuova vettura ecologica della Casa di Seul beneficerà di numerosi sistemi di assistenza e di sicurezza alla guida. Tra questi i più importanti saranno: il blind spot view monitor che proietta le immagini di ciò che c’è dietro e ai lati al veicolo quando si cambia corsia; il Lane Following Assist (LFA) che agisce sullo sterzo per mantenere la corsia di marcia; l’Highway Driving Assist (HDA) per regolare la velocità in condizioni particolari grazie all'ausilio di sensori e dati GPS.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta