SOCIAL

CERCA

In copertina non poteva non che esserci lei, la nuova berlina sportiva Alfa Romeo. Primo test dunque per la Giulia 2.2 Diesel da 180 cv che punta a prendersi quote di mercato oggi ad esclusivo appannaggio delle tedesche premium. L' affiancano un approfondito dossier sulle novità del Salone di Pechino,ben otto prime impressioni e cinque prove approfondite...
E' in edicola il nostro nuovo numero!

Honda Jazz 1.3 i-VTEC, versatilità vincente

Tecnologia d'avanguardia, un abitacolo adattabile a tutte le esigenze, sicurezza attiva e passiva di notevole livello aiutano a perdonare una leggera mancanza di personalità....

Con la Jazz, la Honda cambia musica: per la terza serie della sua funzionale vettura media (la lunghezza è un po' salita, ma arriva solo a sfiorare i quattro metri), la Casa nipponica ha voluto accentuare sicurezza e praticità d'uso e ridurre consumo e inquinamento. Anche il look è ora molto più moderno, con una linea da piccola monovolume che è formalmente impeccabile, anche se non impressiona per la personalità; però bisogna ammettere che, in particolare con le tinte più vivaci (giallo e arancione) la nuova Jazz risulta simpatica e ben proporzionata. Una volta a bordo, la vettura appare "precisina" e ordinata: i comandi sono tutti sottomano, il loro funzionamento è intuitivo e si familiarizza in fretta con le diverse funzioni, anche quelle del sistema di infotainment Honda Connect, offerto di serie per le vetture in allestimento Comfort o Elegance e a pagamento per la versione base Trend.

 



SPAZIO
Lo spazio a disposizione per i passeggeri e per i bagagli risulta notevole e il posizionamento del serbatoio del carburante all'altezza dei sedili anteriori consente una eccellente capacità di carico in relazione alle dimensioni della vettura, con vano bagagli ampio (da 354 a 1.314 litri), sedile posteriore frazionabile (60/40), portellone particolarmente ampio e con soglia di carico ribassata ma, soprattutto, con sedili studiati in base al Magic Seats System di Honda, che permette di configurare l'abitacolo per adeguarlo ai trasporti più diversi. I sedili inoltre sono ben studiati anche dal punto di vista ergonomico, trattengono bene in curva senza costringere (neppure chi ha un girovita un po' abbondante…) e hanno un'imbottitura morbida ma non cedevole. Sotto al vano di carico è previsto un ampio gavone, destinato all'eventuale ruota di scorta full size, che però non viene fornita di serie: tutte le Jazz hanno il kit di riparazione con compressorino. Buono l'assemblaggio, anche se la qualità di alcuni materiali è solo discreta, con qualche caduta (come, per esempio, il rivestimento del cielo dell'abitacolo). 

 

 

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia