Ford Mustang: a Goodwood con la guida autonoma

16 July 2018
a cura di Redazione Automobilismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/5
    Frutto della collaborazione tra Siemens e la Cranfield University, il prototipo del 1965 ha affrontato la salita di Goodwood in totale autonomia.

    Al Festival of Speed di Goodwood si assiste spesso all’esibizione di prototipi davvero particolari. Questa volta però l’impresa sa di magico. Si perché, grazie alla collaborazione tra la Siemens e la la Cranfield University una Ford Mustang 289 del 1965 ha affrontato con successo la classica gara in salita all'interno della tenuta di Lord March. E voi vi starete chiedendo: e quindi cosa c’è di così eclatante? Beh , la vettura in questione era equipaggiata con dei sistemi di guida totalmente autonoma che le hanno permesso di affrontare questa impresa in tale autonomia. Unica precauzione, un tecnico a bordo a prendere le redini della Muscle Car nel caso in cui qualcosa fosse andato storto.

    Guida tu che sono stanco

    La Ford Mustang 289 del 1965 per l’occasione è stata decorata con una livrea argentata, per rendere omaggio ai 25 anni della manifestazione di Goodwood, e conteneva al suo interno numerosi dispositivi hardware e software pronti a sorvegliare l’area circostante. La vettura, che nel frattempo ha filmato ogni cosa stesse accadendo sia all’interno che all’esterno grazie ad apposite microcamere, è stata in grado di raggiungere la vetta della collina viaggiando a una velocità massima di circa 65 km/h.

    Ford Mustang: a Goodwood con la guida autonoma

    Un futuro sempre più vicino

    “È la prima volta che facciamo qualcosa di simile e sì, naturalmente è divertente farlo per il Festival of Speed” ha commentato Lee Dryden, capo del marketing di Siemens “ma ti fa anche pensare a come potrebbero essere le auto in futuro. Siemens si sta preparando per un futuro sempre più autonomo e le tecnologie che presentiamo ne fanno parte. Forse ci saranno macchine in cui possiamo dormire o guardare un film mentre ci guidano dove vogliamo andare”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta