Ferrari FXX-K Evo: ancora di più

30 ottobre 2017
a cura di Redazione Automobilismo
Ferrari FXX-K Evo: ancora di più
L'hypercar del Cavallino destinata al solo utilizzo in pista beneficia di un alleggerimento generale e di un’aerodinamica affinata. Il powertrain ibrido eroga 1.050 Cv e 900 Nm di coppia.

Pacchetto d’aggiornamento

Ferrari FXX-K Evo: ancora di più

È un club esclusivo, anzi terribilmente esclusivo, di cui fanno parte hypercar quali l’Aston Martin Vulcan AMR Pro, la McLaren P1 GTR e la Pagani Zonda R. Un’élite di vetture dalle potenze e prestazioni monstre, dedicate esclusivamente all’utilizzo in circuito. Una cerchia ristretta dove la Ferrari FXX-K ha sempre ricoperto un ruolo di primo piano. Ora, per riaffermare la propria posizione di prestigio, la supercar del Cavallino si rinnova grazie alla versione Evo, prodotta in serie limitatissima e proposta come pacchetto d’aggiornamento per gli esemplari già esistenti.

Ala biplano fissa

Destinata a scendere in pista in occasione dei nove appuntamenti del Programma XX 2018-2019, oltre che nel fine settimana dedicato alle Finali Mondiali, la FXX-K Evo si affida come la precedente generazione al powertrain HY-Kers, simile a quanto adottato dalla stradale LaFerrari, costituito dall’abbinamento di un V12 6.3 aspirato, di derivazione F12 Berlinetta, con un motore elettrico così da disporre complessivamente di 1.050 Cv e oltre 900 Nm di coppia. Le modifiche principali riguardano, più che la meccanica, il peso della vettura, ridotto grazie a un’inedita lavorazione del carbonio, e l’aerodinamica, che guadagna l’ala posteriore biplano fissa, assente sulla prima FXX-K. Componente, quest’ultimo, chiamato a lavorare congiuntamente allo spoiler attivo e all’inedita pinna centrale. Ne derivano profondi cambiamenti al retrotreno, tali da consentire all’estrattore di generare un carico aerodinamico superiore del 5% rispetto al passato.

Cresce del 23% la downforce

Ferrari FXX-K Evo: ancora di più

La crescita della downforce al retrotreno comporta marcati interventi alle prese d’aria frontali e al fondo piatto. Quest’ultimo caratterizzato dall’introduzione di nuovi generatori di vortici che portano in dote un effetto suolo superiore del 30%. Interventi che, complessivamente, garantiscono alla FXX-K Evo un incremento del 23% del carico verticale (+75% qualora paragonato a una LaFerrari stradale) rispetto alla prima generazione della hypercar del Cavallino. A 200 km/h, infatti, la deportanza raggiunge i 640 kg, per poi superare gli 830 kg alla massima velocità.

Il volante di una Formula 1

Ferrari FXX-K Evo: ancora di più

Oltre alle modifiche aerodinamiche, il pacchetto Evo include un volante strettamente derivato dalla Formula 1 che, oltre alle levette del cambio F1 a doppia frizione a 7 rapporti, ospita il manettino del sistema Kers. Una novità al pari del display da 6,5 pollici collocato alla destra del pilota, a lato del tunnel, incaricato di visualizzare i dati della telemetria, i tempi sul giro e i parametri dell’auto oltre alle immagini della telecamera posteriore in sostituzione del retrovisore interno. Prodotta, come accennato, in una manciata di esemplari, la FXX-K Evo è il “laboratorio” su ruote più performante del mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta