F1: Hamilton o Rosberg? A chi andrà il GP del Messico?

28 ottobre 2016
F1: Hamilton o Rosberg? A chi andrà il GP del Messico?
Sul tracciato rinnovato di recente, Rosberg punta al match point ma il compagno di squadra non gli lascerà il campo libero - di Mirko Rovida

F1: hamilton o rosberg? a chi andrà il gp del messico?

Con gli Stati Uniti appena lasciati alle spalle, questo weekend sarà il turno di Città del Messico: diciannovesimo palcoscenico di questo campionato mondiale di Formula 1. I messicani sono pronti ad ospitare per la seconda volta un Gran Premio dopo il ritorno nel calendario del 2015. Prima di allora infatti l’ultimo GP corso nell’autodromo Hermanos Rodriguez risale addirittura al 1992, quando Nigel Mansell trionfò con la sua Williams davanti al compagno di squadra Riccardo Patrese ed un giovane Michael Schumacher su Benetton, al suo primo podio assoluto in carriera.

 

Al giorno d’oggi il tracciato si presenta rinnovato nel suo aspetto, soprattutto nel terzo settore: come l’anno scorso sarà spettacolare vedere passare le vetture all’interno dello stadio da baseball seguendo il nuovo disegno realizzato da Hermann Tilke.

 

NICO ROSBERG SI GIOCA IL PRIMO MATCH POINT ED HAMILTON PROMETTE BATTAGLIA

Sull’asfalto del circuito della capitale il leader della classifica Nico Rosberg si giocherà il suo primo match point nei confronti del suo unico avversario al titolo Lewis Hamilton. Nel momento in cui il compagno di squadra dovesse ritirarsi infatti, il tedesco con una vittoria in Messico potrebbe laurearsi campione del mondo per la prima volta in carriera con due GP di anticipo.

Già lo scorso anno Nico Rosberg riuscì ad imporsi sul rivale regalando ai suoi tifosi la prima delle sette vittorie consecutive a cavallo tra la stagione 2015 e quella 2016. Questo weekend però ci saranno alcune differenze non trascurabili da tenere in considerazione rispetto a quanto visto l’ultima volta, soprattutto riguardo Lewis Hamilton. L’inglese infatti non arriverà in Messico da tranquillo campione del mondo e senza pressioni come l’anno scorso, bensì concentrato e deciso a battagliare con Rosberg per soffiargli altri importantissimi punti in ottica mondiale.

 

RED BULL E FERRARI PRONTE A SFRUTTARE ERRORI E PUNTI DEBOLI

Red Bull e Ferrari potrebbero entrambe giocare le proprie carte. L’autodromo infatti essendo situato a 2285 metri d’altitudine metterà a dura prova l’aerodinamica delle vetture a causa dell’aria molto rarefatta. I carichi aerodinamici infatti saranno portati all’estremo; basti pensare che l’anno scorso molte case utilizzarono sulle proprie monoposto soluzioni già adottate a Montecarlo ed in Ungheria. Red Bull dunque potrà esaltare le proprie qualità aerodinamiche mentre Ferrari dovrà tirare fuori il meglio dalla propria Power Unit su un tracciato con velocità di punta elevatissime, seconde solo a Monza. In casa Mercedes invece ci sarà da tenere d’occhio la gestione dell’impianto frenante, finora unico punto debole del team tedesco, in quanto lo stress a cui sono sottoposti i freni in Messico sarà molto elevato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags

Sposta