Daihatsu Terios: riparte dall’Indonesia

27 novembre 2017
a cura di Redazione Automobilismo
Daihatsu Terios: riparte dall’Indonesia
La terza generazione della Suv giapponese cresce nettamente nelle dimensioni e nella raffinatezza delle dotazioni. Mossa da un 1.5 benzina aspirato, può ospitare sino a 7 passeggeri.

Da quattro anni assente in Europa

Daihatsu Terios: riparte dall’Indonesia

Chi non muore si rivede! Mai detto fu più appropriato per la Daihatsu Terios. Conosciuta nel Vecchio Continente quale piccola Suv efficace fuoristrada e dotata esclusivamente di propulsori a benzina, dopo aver abbandonato la scena europea quattro anni fa, congiuntamente al marchio nipponico, torna a far parlare di sé. In Indonesia. Questa volta, però, le dimensioni sono tutt’altro che lillipuziane, l’infotainment è d’ultima generazione e il design… rompe con il passato!

Trazione posteriore

Daihatsu Terios: riparte dall’Indonesia

Giunta alla terza generazione, la nuova Terios è lunga 4,44 metri e può ospitare sino a 7 passeggeri disposti su tre file di sedili. Una rivoluzione copernicana. Quanto alla meccanica, la sport utility nipponica attinge alla monovolume Daihatsu Xenia, commercializzata anche come Toyota Avanza. Sottopelle pulsa infatti un 4 cilindri aspirato 1.5 a benzina da 105 Cv abbinato alla trazione posteriore e a un cambio automatico a quattro rapporti – una soluzione a dir poco vintage – o, in alternativa, a una trasmissione manuale a cinque marce.

Profeta in patria

Daihatsu Terios: riparte dall’Indonesia

La Daihatsu, dopo aver deciso quattro anni fa di ritirarsi dall’Europa e concentrarsi sul mercato giapponese, dove nel 2016 ha incrementato le vendite del 3,8% sopravanzando costruttori del calibro di Nissan e Mazda, è controllata al 100% dalla Toyota. La Terios, al momento destinata ai soli mercati asiatici, non dovrebbe arrivare in Europa, anche se le generose dimensioni e la trazione 2WD potrebbero costituire le basi per un possibile ritorno del marchio nipponico…

Daihatsu Terios: riparte dall’Indonesia
La seconda generazione della Terios
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta