Gli impianti di riscaldamento inquinano molto più dei trasporti

13 febbraio 2017
Redazione Automobilismo
Gli impianti di riscaldamento inquinano molto più dei trasporti
Prendersela con le auto è facile, così com'è facile spremere gli automobilisti con le accise quando servono soldi. Ma la realtà è un'altra.

Gli impianti di riscaldamento inquinano molto più dei trasporti

Da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec (struttura di ricerca della più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico), sulla base di uno studio del Politecnico di Milano sull’impatto della qualità dell’aria urbana da parte delle principali fonti di inquinamento, è emerso che gli impianti termici per il riscaldamento degli edifici hanno un’incidenza sul totale delle emissioni di CO2 in ambito urbano che è fino a sei volte superiore rispetto all’incidenza del traffico veicolare. Lo studio è stato effettuato su un campione rappresentativo di cinque città italiane medie e grandi (Milano, Genova, Firenze, Parma e Perugia). Ne consegue che il contributo fornito dal settore del riscaldamento da edifici all’inquinamento atmosferico in termini di emissioni di CO2 è pari in media al 64,2% del totale delle emissioni stimate per le città considerate contro il 10,2% che proviene dal settore della mobilità e dei trasporti motorizzati, mentre la restante quota del 25,6% di CO2 è generata dal settore delle attività industriali. Una ricerca che di fatto smentisce il pensiero dell’opinione pubblica e del dibattito istituzionale sul fatto che il tema dell’inquinamento atmosferico nelle città italiane sia associato in maniera prevalente al settore della mobilità e dei trasporti motorizzati. Quindi, per migliorare la qualità dell’aria nelle nostre città è necessario focalizzare l’attenzione non soltanto sul concetto di mobilità sostenibile, ma anche su quello del riscaldamento sostenibile, adottando interventi di riqualificazione energetica come, ad esempio, la sostituzione degli impianti di riscaldamento più vecchi e meno efficienti con impianti più moderni. Il tema delle soluzioni innovative per la mobilità sostenibile sarà trattato diffusamente in occasione della prossima edizione di Autopromotec che si terrà a Bologna dal 24 al 28 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta