Tecnica: il nuovo programma Citroën Advanced Comfort

8 giugno 2016
  • Salva
  • Condividi
  • 1/11
    Da quasi un secolo il concetto di comfort è strettamente legato al marchio Citroën. La definizione stessa è però cambiata profondamente e oggi integra numerosi criteri come la luminosità, l’ergonomia o la connettività. Tecnicamente, ci sono molte novità in arrivo...

    Pagina 1

    Da quasi un secolo il concetto di comfort è strettamente legato al marchio Citroën. Al punto che «Comfort Citroën» è diventato una vera connotazione del Marchio, alla stessa stregua del design o della tecnologia utile. La definizione stessa di comfort è cambiata profondamente e oggi integra numerosi criteri come la luminosità, l’ergonomia o la connettività. Per affrontare al meglio il concetto di comfort in una dimensione più globale, Citroën presenta un nuovo programma specifico che si chiama « Citroën Advanced Comfort® ».

    Un programma che è già esplicitato sulla gamma attuale, vedi la nuova C4 Picasso, ma anche attraverso il « Citroën Advanced Comfort® Lab’ », il prototipo che ha a bordo tecnologie concrete ed inedite, come le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi, sedili innovativi e un processo di incollaggio strutturale inedito. 

     

    MOLTI ASPETTI
    Benché il comfort si riassuma in una semplice parola, in realtà abbraccia molteplici aspetti. Ammortizzazione, tenuta di strada, acustica, sedili, luminosità, abitabilità, ergonomia, modularità… numerosi parametri contribuiscono a definire il benessere che proveranno i passeggeri a bordo di una vettura. Il programma « Citroën Advanced Comfort » permette a Citroën di caratterizzare tutte queste dimensioni del comfort al momento dello sviluppo dei suoi modelli.

     
    Il programma « Citroën Advanced Comfort » si prefigge in sostanza quattro obiettivi:
     
    - Mettere gli occupanti al riparo dalle sollecitazioni esterne, tanto sul piano dello smorzamento delle sospensioni quanto dell’acustica. E’ quello che definiamo comfort di marcia.
     
    - Rendere facile la vita a bordo grazie a volumi generosi, vani portaoggetti pratici e una disposizione ingegnosa. 
     
    - Rendere fluido l’utilizzo della vettura e dei suoi equipaggiamenti grazie alla tecnologia intuitiva, alle funzioni di assistenza alla guida utili nella vita quotidiana e alla continuità tra il mondo digitale degli occupanti e della vettura. E’ il comfort di utilizzo. 

    - Assicurare la ...serenità mentale, un fattore spesso sottovalutato ma importante, aiutando il conducente nella guida, organizzando le informazioni per mostrargli solo quelle realmente utili, e proponendo un ambiente interno rilassante.


     


     

    C4 Picasso

    In termini di comfort, la rinnovata C4 Picasso migliora la qualità a bordo, la ricchezza degli equipaggiamenti e delle prestazioni dinamiche. In questo dimostra come l’applicazione del programma « Citroën Advanced Comfort® » conferisca un benessere globale a tutti i passeggeri.

    Basata sulla piattaforma EMP2 del gruppo PSA, la nuova C4 Picasso offre un buon comfort di guida  grazie a caratterizzazioni tipiche del marchio. Segnaliamo gli ammortizzatori posteriori, posizionati verticalmente e con l’attacco dell’articolazione del braccio della sospensione posizionato più in alto, che contribuiscono a filtrare in modo più efficace le irregolarità del manto stradale. Anche il disegno ergonomico dei sedili e la scelta dei materiali che li compongono contribuiscono a isolare i passeggeri dalle asperità della strada.


    In opzione, i sedili anteriori sono riscaldabili e dotati di una funzione massaggio. Il passeggero seduto accanto al conducente potrà distendersi in un sedile rilassante semi-elettrico che integra un sostegno per le gambe. Infine, il comfort acustico e vibrazionale migliora grazie al lavoro effettuato sui rumori di rotolamento, al miglioramento del filtraggio della culla e all’utilizzo
    di un supporto acustico in due materiali sul retrotreno.
     
    La modularità dell’abitacolo, con i suoi sedili singoli in corrispondenza di tutti i posti, permette di personalizzare la configurazione interna in funzione delle esigenze o dei desideri degli occupanti. I vani portaoggetti, presenti in tutto l’abitacolo, non sono soltanto numerosi: sono anche accoglienti e abbastanza ingegnosi. Il bagagliaio è inoltre  facilmente accessibile e dal volume generoso.

    Grazie alla funzione portellone con apertura senza chiave, basta un semplice gesto del piede sotto il paraurti per aprirlo. In materia di connettività, la nuova C4 Picasso mette a disposizione dei passeggeri dei sistemi intuitivi per collegare il loro smartphone trasferendolo sullo schermo centrale (MirrorLink, Apple CarPlay e Android Auto, disponibili a fine 2016), per navigare (touchscreen 7’’, riconoscimento vocale) o ancora per accedere ai numerosi servizi proposti da Citroën.
     
    Quando è al volante, il conducente riceve continue sollecitazioni. Per aiutarlo nella guida e alleggerire il suo carico mentale, la nuova C4 Picasso mette a sua disposizione degli aiuti facili da usare e utili nel quotidiano. Il sistema di partenza in salita assistito Hill Assist, il sistema di parcheggio semiautomatico Park Assist o la commutazione automatica abbaglianti/anabbaglianti gli forniranno un aiuto prezioso. Un insieme di aiuti elettronici, l’avviso di superamento involontario della linea di carreggiata e il sistema di monitoraggio dell’angolo morto gli garantiranno la tranquil.lità giusta al guidatore perché potrà contare sulla capacità del veicolo di avvisarlo in caso di emergenza.

    L’architettura della pancia, unica con il suo touchscreen da 7’’ e il suo schermo da 12’’ HD, offre una buona ergonomia e permette di stabilire la priorità delle informazioni in funzione della loro natura e della loro importanza. Il comfort trae vantaggio anche dalle grandi superfici vetrate (5,30 m²) e dal generoso parabrezza panoramico. 

     

    Sospensioni

    Tra le diverse dimensioni del comfort, il prototipo « Citroën Advanced Comfort ® Lab’ » si concentra sul filtraggio delle irregolarità della strada e raggruppa le innovazioni Citroën in questo campo. Quando una vettura percorre una strada deformata, queste sollecitazioni sono trasmesse agli occupanti in tre tempi, attraverso:

     
    a) il lavoro della sospensione
    b) la ripercussione delle vibrazioni sulla scocca
    c) la risalita delle vibrazioni agli occupanti attraverso i sedili

     
    Il prototipo « Citroën Advanced Comfort ® Lab’ » presenta tre innovazioni, una per ciascuna di queste componenti, che permettono di ridurre le sollecitazioni percepite dagli occupanti e dunque di migliorare sensibilmente il comfort di marcia. Le sue tecnologie sono coperte da più di 30 brevetti e sono state tutte sviluppate per essere economicamente e industrialmente applicabili a tutti i veicoli della gamma Citroën. 
     
     
    Le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi
     
    Da oltre 95 anni, il comfort delle sospensioni è insito nei geni del marchio francese. E con gli anni, i clienti si sono affezionati al comfort Citroën, diverso da tutte le altre offerte sul mercato. Basandosi sulla sua esperienza e sul know-how dei suoi ingegneri, Citroën ha sviluppato una nuova sospensione il cui obiettivo è migliorare la qualità del filtraggio.

    Il suo principio di funzionamento è semplice, ma il risultato è sorprendente. Se una sospensione classica si compone di un ammortizzatore, di una molla e di un tampone di fine corsa meccanico, il sistema Citroën aggiunge due smorzatori idraulici – uno in fase di estensione e uno in fase di compressione – a entrambi i lati. In tal modo la sospensione lavora in due tempi in funzione delle sollecitazioni:

    · in fase di compressione e di estensione lievi, molla e ammortizzatore controllano insieme i movimenti verticali senza dovere sollecitare gli smorzatori idraulici. Ma la presenza di questi smorzatori ha permesso agli ingegneri di offrire una più ampia libertà di scuotimento al veicolo.

     
    · in fase di compressione ed estensione importanti, la molla e l’ammortizzatore funzionano insieme allo smorzatore idraulico di compressione o di estensione, che rallenta il movimento in modo progressivo, evitando i bruschi arresti di fine corsa.
     
    Contrariamente ad un classico tampone meccanico di fine corsa, che assorbe l’energia e ne restituisce una parte, lo smorzatore idraulico assorbe e dissipa l’energia. Non vi è dunque il fenomeno del "rimbalzo". Grazie a questa soluzione tecnica innovativa, le Citroën del futuro offriranno un comfort ancora più elevato. Una piccola raffinatezza che potrà essere proposta su tutti i segmenti e su tutti i mercati: dalle city car ai veicoli alto di gamma.

    Durante lo sviluppo di queste nuove sospensioni sono stati depositati 20 brevetti.

     

    Scocca

    Quando la sospensione ha fatto il suo lavoro di ammortizzazione, le sollecitazioni trasmesse da un manto stradale deformato si trasferiscono alla scocca. Il ricorso alla tecnica dell’incollaggio strutturale permetterà di ridurre questo fenomeno in modo significativo con un miglioramento della rigidità globale. La procedura industriale di incollaggio permette di assemblare la carrozzeria a vuoto con cordoni di mastice discontinui. Ogni volta che si interrompe la deposizione del cordone di mastice, un punto di saldatura elettrico completa l’assemblaggio.
     
    Questa tecnica di incollaggio permette di garantire un assemblaggio mediante saldatura-incollaggio evitando la formazione di fumi tossici generati dalla saldatura sulla colla. La carrozzeria a vuoto assemblata con incollaggio strutturale presenta numerosi vantaggi.

    Il primo consiste in un significativo aumento della rigidezza globale della scocca di circa il 20%, il che contribuisce a isolarla dai fenomeni delle vibrazioni esterne. Una scocca più rigida filtra di più le vibrazioni trasmesse dalle
    condizioni di marcia, con conseguente miglioramento del comfort.

    Il secondo interesse di questa tecnica di incollaggio è permettere di migliorare le prestazioni della carrozzeria a vuoto senza aggiunta di peso. Infine, questa tecnica presenta un vantaggio non trascurabile in materia di eliminazione. Infatti, il processo di smaltimento dei cordoni di colla « a tratti » senza fumi tossici, permette di ridurre il numero di punti di saldatura elettrica e dunque di ottimizzare i costi di assemblaggio della scocca. Questa sintesi permette di applicare l’incollaggio strutturale « a tratti » su tutti i modelli Citroën.

    Sedili

    I sedili sono l’elemento della vettura che è più a contatto con il corpo dei passeggeri. Trasmettono le prime sensazioni di benessere, quando gli occupanti li guardano e poi prendono posto a bordo. Oltre al loro ruolo di contenimento, contribuiscono anche al filtraggio delle varie vibrazioni del veicolo e delle asperità della strada. Lo sviluppo di un sedile integra il suo disegno, affinché rispetti la curvatura della schiena e offra una posizione di guida ottimale, e la scelta dei materiali che lo compongono.

    Vengono utilizzate schiume di densità e durezza diversa, in funzione del ruolo svolto dalla zona interessata: sostegno o ammortizzazione. Per migliorare il comfort delle sedute, Citroën si è interessata ad altri ambiti applicativi, come il settore dell’arredo letto, in cui i materassi « a memoria di forma » rappresentano l’ultima frontiera del comfort. Grazie all’uso di vari strati di materiali specifici (schiuma in poliuretano, viscoelastica o testurizzata), Citroën ha messo a punto dei sedili che si adattano perfettamente alla morfologia dei passeggeri e offrono un comfort di approccio morbido, inedito nel settore automobilistico.

    Forti delle loro proprietà, i sedili ritrovano la forma originale tra due occupanti. Dotati di un inedito rivestimento trapuntato, questi nuovi sedili rappresentano la firma visiva del Comfort Citroën e offrono ai passeggeri una morbidezza più elevata. 

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta