BMW M3 CS: la più estrema di tutte

24 May 2018
a cura di Redazione Automobilismo
BMW M3 CS: la più estrema di tutte
In attesa della nuova BMW M3, prevista per il 2020, la Casa dell’Elica ha calato il suo ultimo asso nella manica.

Pronta al debutto su strada, la nuova versione speciale del Brand premium di Monaco di Baviera rappresenta non solo il canto del cigno per l’attuale generazione della BMW M3 ma anche la versione più prestazionale tra le M3 attualmente in commercio, una versione per veri appassionati ed intenditori di automobili.

Si rifà il trucco

Fin dal primo sguardo non potrà non attirare l’attenzione. Le prese d’aria più grandi, i fascioni rivisitati, il nuovo splitter anteriore, un piccolo alettone al posteriore, un inedito scivolo per l’aria nel paraurti posteriore e cofano motore e tetto in fibra di carbonio concorrono, infatti, a rendere la sportiva tedesca ancor più esclusiva, aggressiva e possente. Negli interni, invece, abbondano pelle e Alcantara a impreziosire un abitacolo già di per se quanto mai premium e racing allo stesso tempo.

BMW M3 CS: la più estrema di tutte

Iniezione di potenza

A spingere la più pepata delle M3 ci penserà il solito 6 cilindri in linea da 3.0 litri della M3 capace di erogare in questo caso la bellezza di 460 CV, cioè ben 30 CV in più rispetto alla “normale” M3 e altri 10 CV in più rispetto alla già “pompata” M3 Competition. Il propulsore sarà però abbinato esclusivamente al cambio automatico M DCT a doppia frizione e 7 rapporti e alla sola trazione posteriore con differenziale posteriore sportivo. Nonostante però l’abbondante utilizzo della fibra di carbonio, la nuova BMW M3 CS subisce un piccolo incremento di peso, facendo fermare l’ago della bilancia a 1.585 kg, un plus di ben 75 kg. Aggravio di peso che sembra non aver influenzato le prestazioni, anzi la M3 CS brucia lo 0-100 km/h in soli 3,8 secondi e raggiunge una velocità massima di ben 280 km/h (se viene eliminato il limitatore).

BMW M3 CS: la più estrema di tutte

Ama danzare tra le curve

La potenza è nulla senza il controllo. Proprio per questo gli ingegneri bavaresi hanno pensato di rivedere anche l’aspetto telaistico e dinamico della nuova M3 CS. Sotto pelle sarà possibile trovare cerchi da 20 pollici con pneumatici sportivi Michelin Pilot Sport Cup 2, braccetti delle sospensioni in alluminio, ammortizzatori modificati nella regolazione, differenziale posteriore e controlli elettronici ritarati, sospensioni adattive e scarico sportivo. Tutte soluzioni che porteranno la M3 CS ad essere ancor più divertente specie su strade ricche di curve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta